Murature non portanti

S.2.15 Modalità per la classificazione in base a confronti con tabelle

  1. Le tabelle seguenti propongono delle condizioni sufficienti per la classificazione di elementi costruttivi resistenti al fuoco. Dette condizioni non costituiscono un obbligo qualora si proceda alla determinazione delle prestazioni di resistenza al fuoco secondo gli altri metodi di cui ai paragrafi S.2.13 e S.2.14. I valori contenuti nelle tabelle sono il risultato di campagne sperimentali e di elaborazioni numeriche e si riferiscono alle tipologie costruttive e ai materiali di maggior impiego. Detti valori, pur essendo cautelativi, non consentono estrapolazioni o interpolazioni tra gli stessi oppure modifiche delle condizioni di utilizzo.
  2. L’uso delle tabelle è strettamente limitato alla classificazione di elementi costruttivi per i quali è richiesta la resistenza al fuoco nei confronti della curva temperatura-tempo standard di cui al paragrafo S.2.7 comma 1 e delle altre azioni meccaniche previste in caso di incendio.
  3. Altre tabelle di natura sperimentale o analitica diverse da quelle sotto esposte non ricadono tra quelle previste al paragrafo S.2.10, comma 2, lettera c.
  4. La presenza di elementi di impianti a sviluppo lineare sotto traccia come cavi, condutture, tubazioni e canali in genere, può limitare in modo imprevedibile la resistenza al fuoco della muratura. Per tale motivo, l’impiego di tabelle ai fini della classificazione di murature è consentito alle seguenti condizioni:
    • In presenza di elementi di impianti lineari sotto traccia aventi profondità massima di incasso compresa tra 1/5 ed 1/3 dello spessore richiesto di murature non portanti, si deve adottare cautelativamente lo spessore del muro corrispondente alla classe superiore a quella richiesta. Questa disposizione non si applica a murature non portanti di classe 240.
    • In presenza di elementi di impianti lineari sotto traccia aventi profondità massima di incasso inferiore a 1/10 dello spessore richiesto di murature portanti, si deve adottare cautelativamente lo spessore del muro corrispondente alla classe superiore a quella richiesta. Questa disposizione non si applica a murature portanti di classe 240.

S.2.15.1 Murature non portanti di blocchi

  1. La tabella S.2-40 riporta i valori minimi espressi in millimetri dello spessore s di murature di blocchi di laterizio (escluso l’intonaco) esposte su un lato, sufficienti a garantire i requisiti EI o EI-M per le classi indicate, con le seguenti limitazioni:
    • altezza della parete fra i due solai o distanza fra due elementi di irrigidimento con equivalente funzione di vincolo dei solai ≤ 4 m;
    • per i requisiti EI, presenza di 10 mm di intonaco su ambedue le facce oppure 20 mm sulla sola faccia esposta al fuoco;
    • per i requisiti EI-M, presenza di 10 mm di intonaco su ambedue le facce.
  2. La tabella S.2-41 riporta i valori minimi espressi in millimetri dello spessore s di murature di blocchi di calcestruzzo normale (escluso l’intonaco) esposte su un lato, sufficienti a garantire i requisiti EI o EI-M per le classi indicate, con le seguenti limitazioni:
    • altezza della parete fra i due solai o distanza fra due elementi di irrigidimento con equivalente funzione di vincolo dei solai ≤ 4 m;
    • per i requisiti EI, facciavista o con 10 mm di intonaco su ambedue le facce oppure 20 mm sulla sola faccia esposta al fuoco.
    • per i requisiti EI-M, presenza di 10 mm di intonaco su ambedue le facce.
  3. La tabella S.2-42 riporta i valori minimi espressi in millimetri dello spessore s di murature di blocchi di calcestruzzo leggero (massa volumica netta ≤ 1700 kg/m3) o aerato autoclavato, esposte su un lato, sufficienti a garantire i requisiti EI per le classi indicate, con la seguente limitazione:
    • altezza della parete fra i due solai o distanza fra due elementi di irrigidimento con equivalente funzione di vincolo dei solai ≤ 4 m.
  4. La tabella S.2-43 riporta i valori minimi espressi in millimetri dello spessore s di murature di blocchi di pietra squadrata esposte su un lato, sufficienti a garantire i requisiti EI o EI-M per le classi indicate, con le seguenti limitazioni:
    • altezza della parete fra i due solai o distanza fra due elementi di irrigidimento con equivalente funzione di vincolo dei solai ≤ 4 m.
    • per i requisiti EI-M, presenza di 10 mm di intonaco su ambedue le facce.

Muratura in mattoni forati

Muratura in mattoni forati
Tipo di intonaco
Classe Blocco con percentuale di foratura > 55 % Blocco con percentuale di foratura < 55 %
Intonaco normale Intonaco protettivo antincendio Intonaco normale Intonaco protettivo antincendio
30 s = 120 80 100 80
60 s = 150 100 120 80
90 s = 180 120 150 100
120 s = 200 150 180 120
180 s = 250 180 200 150
240 s = 300 200 250 180
Classe: [[ currentVal ]]

FSEng Ingegneria Antincendio di Ing. Andrea Quarta non si assume nessuna responsabilità riguardo all’uso di qualsiasi applicazione presente su questo sito o su www.fseng-antincendio.it Ogni professionista che le utilizzerà sarà consapevole che dovrà verificare esso stesso i risultati assumendosene la responsabilità. Ogni professionista che utilizzerà le presenti applicazioni, implicitamente da consenso a non ritenere FSEng Ingegneria Antincendio di Ing. Andrea Quarta responsabile in alcun modo di eventuali danni di qualsiasi natura causati direttamente o indirettamente dal loro utilizzo.

FSEng Ingegneria Antincendio di Ing. Andrea Quarta assumes no responsibility for the use of any application on this site or on www.fseng-antincendio.it Every professional who uses them will be aware that he will have to verify the results himself and take responsibility for them. Any professional who will use these applications, implicitly gives consent not to hold FSEng Ingegneria Antincendio di Ing. Andrea Quarta responsible in any way for any damage of any nature caused directly or indirectly by their use.